Il problema è che se il protagonista fosse stato uno Zingaretti qualunque, allora qui scriveremmo dell’epilogo di un successo annunciato. Ed invece ad interpretare Angelo Caronia, personaggio principale de “Il segreto dell’acqua” di cui questa sera va in onda su Rai Uno l’ultima puntata, è Scamarcio e l’attore pugliese è vittima di un pregiudizio che, a ben guardare, è lo stesso pregiudizio che lo vuole bello per partito preso, nonostante il fisico poco virile, i lineamenti puerili e gli occhi così tanto chiari.

Insomma, il “bel” Riccardo è bruciato dalla sua stessa fama che gli ha offerto in passato opportunità, notorietà, visibilità, ma gli ha anche tolto la credibilità necessaria a divenire davvero un attore di successo.

Lanciato da una serie tv per adolescenti (“Compagni di scuola”) ed assurto a mito con “Tre metri sopra il cielo”, da anni Scamarcio tenta di costruirsi un’immagine d’attore che sostituisca quella di sex symbol per fanciulle in età puberale. I risultati però non lo hanno premiato visto che il suo ritorno sul piccolo schermo non si è rivelato l’asso pigliatutto che era lecito attendersi ma piuttosto un due di picche…

Eppure lo sceneggiato Rai avrebbe avuto tutte le carte in regola per funzionare: una buona regia (di Renato De Maria), un soggetto interessante, musiche trascinanti, dialoghi calibrati ed un personaggio principale atipico e sfaccettato in grado di offrire ottime opportunità interpretativea chiunque.

Per le prime cinque puntate, però, l’auditel ha registrato una sorta di snobberia nei confronti della fiction tanto che il direttore Rai Paolo Garimberti ha potuto a ragione annoverarlo tra i flop di questo deludente inizio di stagione.

E allora cosa fa il divo Scamarcio? Agisce su due fronti, antitetici ma a ben guardare probabilmente utili almeno a risollevare le sorti mediatiche dell’ultima puntata.

Fronte gossip: appena fuori dal set del nuovo film, “Cosimo e Nicole”, si fa pizzicare dai fotografi di “Chi” in atteggiamenti intimi con la coprotagonista, l’altrimenti sconosciuta Clara Ponsot.

Fronte politico: “Step” partecipa attivamente alla manifestazione “Ora tocca a noi”, trascorrendo il suo tempo in piazza Navona per dimostrare (ancora una volta) concreta solidarietà a Nichi Vendola & Co., rilasciando interviste ai tg e posando per i fotografi.

Non sta a noi giudicare se le due mosse siano strategiche o casuali. Ma la curiosità di vedere se questa sera porteranno Scamarcio a fare l’agognato scacco matto c’è!

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...