In attesa della terza puntata che andrà in onda martedì 25 ottobre, è possibile trarre un primo bilancio su “La donna che ritorna”, nuova fiction Rai interpretata da Virna Lisi.

Dopo una partenza decisamente in sordina (l’incipit della prima puntata avrebbe conciliato il sonno a chiunque!), la serie in quattro puntate prodotta dalla Endemol ha iniziato ad assumere un buon ritmo sincopato, cadenzato da sapienti colpi di scena e sorretto dall’ottima interpretazione della protagonista, straordinaria per bravura e bellezza.

Ebbene, nonostante l’amnesia che ne offusca i ricordi, la nostra presunta Paola Silenti ha iniziato a darsi da fare per ricomporre l’intricato puzzle della sua esistenza. Le tessere in suo possesso sono davvero poche e quelle che le vengono fornite dal destino sono apparentemente addirittura contrastanti. Come definire altrimenti il fatto che ben due uomini la reclamino come membro delle rispettive famiglie, uno in quanto figlio adottivo e l’altro in quanto “compagno” di battaglie sessantottine?

Messa così, non è facile scoprire la verità. Come se non bastasse, oltre all’amnesia ci si mettono pure gli psicologi dall’accento nazista che le impongono una debilitante cura a base di psicofarmaci (che lei saggiamente evita di assumere), l’infermiera che la controlla a vista, il figlio che pretende di allontanarla dall’amato nipotino,…

Per fortuna c’è quel pasticcione dell’ispettore Marco Leoni! Interpretato da Luca Bastianello, Leoni è uno che non ne combina una giusta e conduce una vita solitaria che si consuma tra una lattina di birra ed un Tex Willer ma che ha l’umiltà e la sensibilità necessarie per stabilire un contatto con la donna e portare avanti le indagini nonostante un capo perennemente imbronciato ed una collega tanto acida quanto inutilmente interessata a portarselo a letto. Ebbene, il bel Marco non si fa irretire da Roberta né abbruttire dal boss, e investigando scopre che la giovane modella trovata morta nella prima puntata e la clown rinvenuta cadavere nella seconda rappresentano le vittime di un serial killer già attivo negli anni Settanta. Anche Paola, dal canto suo, fa passi avanti aiutata in questo anche dall’assassino che, non si sa come né perché, le invia messaggi sotto forma di dvd, incisioni su muro, scritte sulle pareti del bagno, ecc.

Dosando sapientemente dramma, thriller e poliziesco, “La donna che ritorna” è stata premiata da ottimi ascolti: la media si attesta oltre la soglia dei 5.500.000 telespettatori con punte superiori al 20% di share. Un gran bel risultato, soprattutto se si considerano i bassi risultati ottenuti in questo autunno 2011 da molte altre fiction tv.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...