Questa sera, sfidando la seconda puntata di “I cerchi nell’acqua”, va in onda su Rai Uno il film in prima tv “Il mercante di stoffe”.

La pellicola diretta da Antonio Baiocco racconta la storia di Alessandro, un ricco ed ormai anziano commerciante in tessuti il quale intraprende una caccia al tesoro molto particolare.

Aiutato dal nipote e da una giovane archeologa, l’uomo cerca disperatamente un antico medaglione perduto tanti anni prima in un villaggio magrebino. Le operazioni di ricerca consentono un tuffo nel passato del “mercante di stoffe”: vera protagonista del racconto è infatti la storia d’amore che lo vide coinvolto insieme alla giovane berbera Najiba, figlia del filatore di seta Omar.

Passata in punta di piedi nelle sale italiane la scorsa primavera, la produzione di Antonio Baiocco ha avuto una gestazione tanto lunga quanto poco fruttuosa in termini di incassi al botteghino e di qualità.

Sul primo punto c’è poco da dire: le pellicole italiane, esclusi i cinepanettoni, spesso sono schiacciate da pregiudizi e da scarsa distribuzione e certo non possono vantare budget da “Il paziente inglese” o “Il tè nel deserto” (titoli NON scelti a caso).

Sul secondo, invece, vale la pena spendere una considerazione: nel rieccheggiare, a suo modo, le atmosfere di “Seta”, “Il mercante di stoffe” appare come un’antitesi vivente, se non un ossimoro, tra le splendide ed evocative immagini scenografiche e la carenza, ripetitività e stereotipizzazione della sceneggiatura. Tutto è molto estetico ed estetizzante. Anche l’eros si vede ma non si sente.

Insomma, parafrasando un successo di Cocciante, il film è bello, senz’anima.

Nel cast: Sebastiano Somma, Emanuela Garuccio, Marta Bifano, Antonio Campobasso e Nadia Kibout.

 

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...