Alzi la mano chi non l’ha ancora sentito: in tv, su YouTube (23milioni di visualizzazioni!), al supermercato, in palestra, “Ai se eu te pego” è il tipico tormentone estivo che, seppur declinato nella stagione più fredda dell’anno, inopinatamente riesce a scaldare gli animi italiani.

Per piacere o per forza (non c’è palinsesto radiofonico che non lo programmi insistentemente più volte al giorno e, facendo zapping tra le frequenze, capita pure di beccarlo in contemporanea!), il brano cantato dal brasiliano Michel Telò è ovunque e aggredisce chiunque peggio di un bacillo influenzale con rischi di contagio almeno dieci volte superiori.

Prova ne sia il fatto che il “virus ballerino”, a pochi mesi dalla sua pubblicazione, è balzato in ottava posizione nella classifica delle hit più vendute in Italia portando l’interprete – un biondino classe 1981 sexy quanto un gomito e leader della formazione Grupo Tradição –  a notorietà internazionale.

Merito anche del calciatore brasiliano Neymar che, in un video molto cliccato via Internet, prima di scendere in campo con il Santos ballava negli spogliatoi al ritmo di “ai ai”. Performance che non è passata inosservata visto che ha ispirato diversi suoi colleghi desiderosi di emularlo al di qua e al di là dell’Oceano Atlantico.

D’altronde, lo stesso Telò è stato, diciamo così, ispirato. Pare infatti che il brano vanti una storia più lunga di quanto si creda: non è una novità 2012, ma data addirittura 2009 e porta la firma non di uno ma di due brasiliani, Antonio Dyggs e Sharon de Axe Moi, che lo interpretarono con la loro band, gli “Os meninos de seu zeh”.

Questioni di lana caprina, almeno per noi (poveri) ascoltatori: il tormentone è quello di Telò e ci toccherà ascoltarlo ancora per molto tempo!

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...