Iniziamo dalla fine: “Centovetrine”, la popolarissima soap opera “made In Italy” interamente realizzata in Piemonte, non chiude. Una buona notizia per spettatori e (soprattutto) spettatrici, ottima per attori e maestranze attivi tra Torino e San Giusto Canavese i quali potranno contare su un altro anno di lavoro garantito.

La lieta novella è giunta agli organi di stampa ed è stata proferita pure da Rita Dalla Chiesa durante una puntata del suo “Forum” in cui ospiti erano proprio alcuni esponenti del cast di “Centovetrine”, primo fra tutti quel Pietro Genuardi (Ivan Bettini, nel cast sin dal 2001) che tanto si è battuto perché fosse offerta una seconda chance alla fiction seriale italiana.

Fino a ieri, la versione ufficiale era tutt’altra. A dispetto dei dati auditel che la vedono tra i programmi di punta della rete, “Centovetrine” avrebbe avuto solo un’opportunità per salvarsi dalla chiusura: fare il botto di ascolti nella puntata speciale prevista per domenica sera. Una missione difficile, se non impossibile, che odorava di gesto disperato, alla kamikaze. Ora la puntata speciale del 22 gennaio sarà trasmessa lo stesso, ma senza grossi patemi d’animo.

 

All’origine del rischio di chiusura ci fu il mancato rinnovo dei contratti, scaduti il 24 dicembre e le dichiarazioni di Piersilvio Berlusconi sull’esosità del prodotto televisivo: 150 fra attori, registi e maestranze varie per un totale di circa 55mila minuti di messa in onda costituiscono costi elevati anche considerando gli ottimi indici di ascolto che prevedono addirittura il 36% di share!

Nella serata di ieri, la società Mediavivere si è data disponibile a soddisfare le richieste di tagli e così gli studios di Telecittà a San Giusto Canavese possono tirare un sospiro di sollievo. Il comunicato recita: “In controtendenza con la crisi economica e con l’evidente difficoltà del mercato dei media, Mediaset ha deciso di affrontare lo sforzo necessario per continuare a sostenere un prodotto di qualità che il pubblico dimostra ogni giorno di gradire. La scelta di Mediaset, che non produce direttamente la soap, non si è basata solo su fredde logiche economiche che avrebbero sconsigliato a qualsiasi azienda tv la prosecuzione dell’impegno. Ma grazie anche alla consapevolezza dimostrata da staff artistici, staff tecnici e maestranze impegnate nella serie, si sono perlomeno avvicinate le condizioni minime necessarie per assicurare la continuità a una fabbrica creativa cruciale per un intero distretto industriale italiano. Il che significa, in pratica, la conferma di centinaia di posti di lavoro”.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...