Preceduto dal successo editoriale ma soprattutto da quello televisivo interpretato da Luca Zingaretti e da una serie di spot martellanti che ne annunciavano l’inizio, ha esordito ieri sera “Il giovane Montalbano”.

Il prequel di “Montalbano” aveva uno scopo preciso: bissare i record della fiction andata in onda gli scorsi anni… Missione riuscita, non c’è che dire. I dati parlano chiaro: 7.749.000 telespettatori, pari al 28% di share e non c’è bisogno di commenti.

Il risultato è dovuto ad almeno due fattori. Il primo è lapalissiano: Rai Uno è Rai Uno, un nome una garanzia di ascolti grazie alla fidelizzazione dei telespettatori. Il secondo, abbastanza scontato, è la qualità del prodotto che è ben girato – la regia è di Gianluca Tavarelli – e sceneggiato ed offre un cast di tutto rispetto a partire da Michele Riondino, qui impegnato negli “scomodi” panni del protagonista. Una sfida che l’attore, intelligentemente, ha vinto evitando il duello con il predecessore: il suo Montalbano non scimmiotta quello di Zingaretti né se ne discosta, è semplicemente qualcosa a sé, indipendente e perciò riuscito.

Detto questo, il primo dei sei episodi previsti è risultato convincente e ha mostrato il trentatreenne Salvo Montalbano appena nominato commissario che ottiene, per intercessione del quasi-suocero, l’assegnazione a Vigata. Giunto sul posto, Salvo inizia a fare qualche conoscenza destinata a durare, nel bene e nel male: si scontra subito con la mafia locale e riceve l’insperato “aiuto” di un giovane Catarella e del padre dell’agente Fazio.

Prodotto da Rai Fiction e Palomar, “Il giovane Montalbano” porta la firma di Andrea Camilleri e Francesco Bruni.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). In tv è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...