Titoli di testa degni di un videogame mystery dei migliori, atmosfere che intendono ricordare sceneggiati dei bei tempi andati stile “Belfagor” o “Nel segno del comando”, qualche ottimo interprete (su tutti Andrea Bosca e Magdalena Grochowska) e il ricorso all’esoterismo che sul piccolo schermo di solito non guasta (si veda il caso de “Il XIII apostolo”), eppure…

Eppure qualcosa non quadra in questo secondo capitolo della fiction “Zodiaco”.

“Zodiaco – Il libro perduto”, infatti, sembra proprio non funzionare, almeno a detta degli indici di ascolto. Per non infierire troppo, citiamo solo quelli di ieri sera: 1.297.000 telespettatori, roba da far felice La7 ma non certo Rai2! Meno del 5% di share, in pratica, si sarebbe fatto affascinare dalle vicende del serial killer redento Zodiaco il quale, per amore della sorella gemella Ester morta in circostanze davvero poco chiare, fugge dal carcere di massima sicurezza per vendicarsi…

Ora, ben lungi dal pensare che l’auditel possa davvero essere indice della qualità intrinseca di un prodotto televisivo, proviamo a dare due o tre indizi del perché questa fiction prodotta dalla Casanova Multimedia non ha trovato il favore del pubblico.

Innanzitutto, c’è da considerare la controprogrammazione: su Canale 5 “Le tre rose di Eva”, feuilleton in 12 puntate, veleggia tronfio dei suoi 5milioni di fan e su Rai Uno ieri sera c’era l’incontro di Champions’ League Chelsea – Barcellona… Poi bisogna valutare la coppia protagonista composta da Magdalena Grochowska e Sergio Assisi i quali non riescono a raggiungere il livello di alchimia che nella prima stagione condividevano Antonia Liskova e Massimo Poggio. Chi si è occupato del casting avrebbe dovuto tenere conto del fatto che Assisi non è credibile nei panni dello sciupafemmine: siamo di fronte ad un caso di “misplacement” che ha dell’incredibile… Per il resto l’idea della setta è trita e ritrita, la trama di sarebbe potuta condensare in meno puntate, alcuni comprimari si producono in espressioni stereotipate ed esagerate da film muto, altri patiscono un doppiaggio fuori sincrono,…

Comunque un dato è certo, se il tv “Zodiaco” non tira, su Internet avviene l’esatto contrario: l’attenzione è alta e del prodotto si parla su vari siti e sui social network più frequentati… In un futuro molto prossimo bisognerà tenere conto anche di questi “valori”, non solo dell’auditel, per valutare l’importanza di un prodotto. Per la serie “l’importante è che se ne parli”…

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...