In disponibilità e simpatia, fra i due divi italiani presenti nella giuria della quindicesima edizione di CinemAmbiente, vincerebbe non il torinese Luca Argentero ma il marchigiano Neri Marcorè. Perché se è vero che entrambi saranno in sala, questa sera al cinema Massimo, per incontrare il pubblico ed assistere a “La vita negli oceani” – il film evento diretto dai due Jacques, Perrin e Cluzaud, già artefici del successo “Il popolo migratore” – è altrettanto vero che, mentre dell’attore Argentero (qui impegnato anche nelle vesti di produttore di un cortometraggio diretto dalla moglie Myriam Catania) nei giorni della rassegna era lecito sentire solo il nome, l’interprete di “Tutti pazzi per amore” e “Fuoriclasse” non pago di palesarsi in tutta la sua altezza (poco sotto il metro e novanta!) si è prestato pure questa mattina ad animare l’incontro voluto dalla Provincia di Torino per presentare “Beata la differenziata”, nuova campagna di sensibilizzazione sul corretto riciclo dei rifiuti: “Quando mi è stato proposto di partecipare ho aderito immediatamente – ha dichiarato l’attore – perché  credo che occuparsi dell’ambiente sia un’esigenza che non possiamo più evitare. E se la mia presenza può servire ad attirare maggiore attenzione, ben venga!”.

L’abbiamo quindi incontrato verso tra le 11 e mezzogiorno, presso il caffé BlahBlah di via Po 21, sotto i portici sabaudi, entusiasta per l’iniziativa che è proposta anche via internet sul sito http://www.beataladifferenziata.it

Si deduce che lei si interessi alle tematiche “verdi”…

“Sì. Nel mio piccolo, pur vivendo in un condominio, con mia moglie ho attrezzato l’appartamento di pannelli fotovoltaici, tritarifiuti,… Però ammetto di aver scoperto solo ora di essere ignorante rispetto alla corretta differenziazione dei rifiuti: questa campagna può aiutare tutti noi a diventare più bravi”

Il suo impegno è anche artistico: in giuria, ma non solo.

“Il lavoro in giuria mi ha offerto la possibilità di vedere tanti film che rendono uno spaccato drammatico del nostro futuro e di quello delle prossime generazioni. La sensibilizzazione è fondamentale: le violenze compiute ai danni della natura sono spaventose. E poi c’è il film “La vita negli oceani” in cui mi sono prestato a fare la voce narrante. Ho detto sì ancor prima di vederlo, avendo in mente pellicole come “La volpe e la bambina” e “La marcia dei pinguini”. Il film è splendido: coniuga la meraviglia della natura ai rischi che le sono mossi dal genere umano che la sta trasformando in una spazzatura indifferenziata.

Che rapporto ha con Torino?

È una città che conosco e che apprezzo per molti aspetti perché, pur essendo marchigiano e vivendo a Roma, ci vengo spesso per lavoro. In autunno vedrete i risultati della mia ultima permanenza in città (si riferisce alla seconda stagione di “Fuoriclasse”, la fiction girata in città e nel Liceo Ginnasio Cavour con Luciana Littizzetto)

Parlando di differenziata: tra tanti suoi personaggi, a quale darebbe il compito di fare da testimonial al riciclo?

“A Leonardo Da Vinci, sicuramente! Era già abbastanza avanti, probabilmente aveva già inventato qualcosa all’uopo… Di altri, non saprei. Ah, sì: (cambia espressione, modula la voce ed imitando il sindaco Fassino continua) Potrei farlo io: bello lungo, io passo dentro un tubo direttamente!”

Negli spot televisivi è passato in questi giorni da Garibaldi a Polo

“Per fortuna c’è un riciclo anche in pubblicità: ora la gente per le strade smetterà di chiamarmi Giuseppe ed inizierà a chiamarmi Marco!”

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...