I segreti di Borgo LariciSi potrebbe cominciare con “Era una notte buia e tempestosa”… La prima puntata de “I segreti di Borgo Larici” inizia infatti con una sequenza cupa e piovosa in cui lo spettatore assiste alla drammatica separazione di una madre dal proprio figlio: la donna sta fuggendo da una villa con in braccio uno dei suoi piccoli. A noi poveri comuni mortali è dato solo sapere che il bambino si chiama Andrea perché quello è il grido lanciato dalla poveretta quando due uomini glielo strappano dalle braccia…

Ventitré anni dopo, siamo nel 1922, giunge a Borgo Larici il giovane e aitante Francesco, rampollo di casa Sormani, famiglia di industriali torinesi dediti alla produzione di filati. L’uomo chiarisce subito al padre il motivo della sua venuta (inaspettata per il genitore, non per il nonno): vuole scoprire l’origine di una lettera anonima che gli è giunta e che recita “c’è un’altra verità sulla morte di tua madre”.

Francesco, lo si capisce subito, non dovrà dipanare solo l’ingarbugliata matassa relativa alla morte della madre ma si troverà anche a gestire un triangolo amoroso che lo vede conteso tra due donne: la frivola Claudia, aspirante fidanzata ufficiale (ci sono in ballo le commesse per realizzare tutte le divise del Regio Esercito Italiano!), e la civettuola maestrina elementare Anita la quale, in pieno stile Miss Marple – adora la chimica e Sherlock Holmes! – guadagna subito qualche punto sulla rivale riconoscendo dai caratteri tipografici il modello di macchina da scrivere utilizzata dall’anonimo mittente della lettera, una Remington. Strano, ma vero: si tratta della stessa matrice che aveva redatto oltre venti anni prima il messaggio d’addio della madre suicida di Francesco!

Al di là delle solite scaramucce di prammatica – che preludono all’inevitabile intesa amorosa – tra Francesco ed Anita, quello che colpisce è scoprire che Sonia, la moglie di Ludovico, il secondogenito Sormani, ha una tresca con il “fascista” (parole sue) Bastiani, il direttore dell’opificio che ha appena fatto sbattere in carcere Nicola, il fratello di Anita. All’insaputa dell’adultera, l’uomo le scatta fotografie osé, confidando evidentemente in qualche loro impiego futuro. Peccato che papà Sormani scopra autonomamente il tradimento della nuora e lo licenzi… Bastiani abbandona Borgo Larici animato da fervidi intenti vendicativi…

Tra bugie e misteri, i segreti si ammonticchiano: chi è il losco figuro che si aggira per villa Sormani con tanto di mantello, cilindro e bastone? Con quante se la fa il cameriere Antonio? Che origine hanno i giramenti di testa di cui soffre il lugubre e perfezionista maggiordomo Ettore? Ma soprattutto, la notte di sesso scacciapensieri tra Francesco e Claudia quali ripercussioni avrà e chi ha ucciso il Signor Sormani dopo avergli dato appuntamento nottetempo nella fabbrica?

Restano sei puntate per chiarire i misteri. E forse non basteranno neppure: la seconda stagione è in agguato!

Per la cronaca: la prima puntata di “I segreti di Borgo Larici” è stata seguita da 3.530.000 spettatori, pari al 12.44% di share.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). In tv è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...