XIIIap2“TRA LA VITA E LA MORTE” – Mentre Gabriel Antinori (Claudio Gioè) si sente dire da una equipe di luminari che “La scienza medica si ferma davanti all’inspiegabile”, cioè a lui redivivo, una donna inizia a dare di matto durante una festa perché è l’unica a scorgere in uno scatto fotografico il figlio Carlo che in realtà è da ben cinque anni in coma farmacologico… Giorni dopo Rachele – questo è il nome della signora – si rivolge a padre Gabriel il quale, sorprendentemente, non ha alcun problema nel vedere la presenza di Carlo nella foto. Naturalmente Claudia (Claudia Pandolfi) riconosce nella povera madre i segni distintivi di una ossessione patologica, se non fosse che Gabriel è convinto che ci sia sotto qualcosa, qualcosa di paranormale, ovvio.

Ed in effetti… Mentre il suo corpo si agita in preda ad improvvise convulsioni, Carlo si materializza per un breve momento in casa dei suoi genitori e questa volta lo vede anche il padre! Bilocazione: è questo il responso di Antinori il quale, giunto nella casa degli sfortunati genitori, assiste ad una nuova apparizione del ragazzo che questa volta parla, ma solo per intimare al padre di mandare via il prelato.

Gli ingredienti per una faccenda ingarbugliata ci sono tutti, ma se ne aggiunge un altro: Carlo non è figlio unico, aveva un fratello gemello… Aveva, perché il poveretto è defunto. Proiezione corporea di un gemello morto? Però! Peccato che Claudia non sia per niente d’accordo: è un palese caso di allucinazione collettiva, ҫa va sans dire! Gabriel non è convinto ma, come spesso accade, la verità sta nel mezzo e quando la “presenza” diventerà sempre più tangibile saprà cosa fare…

“LA CASA DEL DIAVOLO” – In una simpatica chiesetta in stile romanico, parroco occhialuto offre la comunione ai suoi confratelli. Peccato che uno di questi sia giusto un tantino strano: dalla sua bocca, degno prototipo di scarsa igiene orale, esce uno sciame di mosche in grado di uccidere il prelato e di far scappare tutti i presenti.

Padre Isaia e padre Gabriel si recano in loco per indagare. Nonostante sul portale della chiesa appaia il “sigillo di Lucifero”, un’incisione in grado di rendere inaccessibile il luogo sacro, la porta si apre. Sì, ma solo per far uscire il posseduto il quale, prima di esalare un ultimo respiro, sussurra due parole: “Vuole… Samuele”.

Chi è Samuele? Un certo Samuele Costa, ora liutaio ma ex esorcista, in pensione volontaria dopo un caso particolarmente “scottante”. E, guarda caso, la chiesetta in questione è proprio quella sita nel suo paese natale…

Giunto a Fontanefredde, padre Gabriel e Samuele raggiungono Isaia. L’esorcista conosce un modo alternativo per entrare nella chiesa senza dover affrontare l’ingresso principale: i tre “moschettieri” percorrono cunicoli segreti arrivando così ad una porta che conduce nel luogo sacro. Armati di Bibbia e di incrollabile fede, Isaia e Samuele si addentrano in una nebbia innaturale dopo aver chiesto a Gabriel di pregare…

Il risultato è un macello: Gabriel rotola giù dalle scale, Isaia si brucia le mani a causa della Bibbia che prende fuoco e cade stordito a terra, Samuele è legato all’altare da Baal in persona (riuscito incrocio tra un UrukHAi di TLOTR e Dracula di coppoliana memoria). Ma niente è perduto: basta che Gabriel chieda al demonio di andare via ed egli… va via!

A questo punto, prima di spirare, a Samuele sorge spontaneo rivolgere a Gabriel una domanda: “Chi sei?”

E ce lo chiediamo pure noi… ‘cidenti! 😉

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). In tv è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...