32TFFSette anni di lavoro dietro le quinte e ora, finalmente, la possibilità di assumersi direttamente l’onere ma anche l’onore di dirigere in prima persona il “suo” festival: porta ufficialmente la firma di Emanuela Martini il Torino Film Festival 2014, 32esima edizione di quello che all’epoca – era l’ormai lontano 1982 – si chiamava “Festival Internazionale Cinema Giovani”.

Degli ex direttori, tutti registi, con i quali ha collaborato in passato il critico cinematografico – che in un poema epico si fregerebbe sicuramente dell’epiteto “rosso chiomata” – dice scherzosamente “di aver preso a prestito da Nanni Moretti il rigore, da Gianni Amelio la passione e da Paolo Virzì lo spirito pop”, ma di aver aggiunto di suo “soprattutto la curiosità, la voglia di scoprire delle cose e la presunzione di aver conservato un occhio abbastanza attento per scoprirle”.

Nasce con questa precisa volontà, quindi, il 32° Torino Film Festival che si aprirà il 21 novembre all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto con la commedia di Anne Fontaine “Gemma Bovery” e si concluderà il 29 al cinema Reposi con una serata presentata da Anna Mazzamauro e la proiezione di “Wild”, pellicola di Jean Marc Vallée con Reese Witherspoon.

Le pellicole in programma saranno 195 (dieci più dello scorso anno) di cui 45 anteprime mondiali, 23 internazionali, 3 europee e 70 italiane.

E se scorgendo il programma non si evidenziano particolari novità – le sezioni 2013 sono praticamente tutte confermate con l’aggiunta della neonata “Diritti&Rovesci” curata dall’ex direttore Paolo Virzì – quello che salta subito all’occhio è il ritorno alle origini del TFF che sembra volersi riappropriare in un certo senso della sua “mission” originaria cioè scoprire artisti emergenti e offrire una panoramica globale di ciò che di nuovo offre il panorama cinematografico internazionale con un occhio attento anche alla produzione documentaristica e locale.

Insomma, sembra che all’ombra della Mole (e, specificamente, per la stampa al Cinema Classico e per il pubblico presso i Cinema Massimo e Reposi) si voglia rimarcare l’intento di fare cinema e basta. Le “feste”, la fuffa, i divismi rimangano segni distintivi di altre rassegne, quelle dove a contare è soprattutto il tappeto rosso.

Proprio per questo il cosiddetto “red carpet” quest’anno non ci sarà: introdotto anni orsono per offrire visibilità a vip o presunti tali sparisce, così come spariscono sia la madrina della serata inaugurale sia le star d’oltreoceano tanto affezionate ai viaggi in “business class” (sono invece già confermati: Dario Argento, Michele Placido, Alessandro Cattelan, Valerio Mastandrea, Alessandra Mastronardi, Mimmo Calopresti e Bruno Bozzetto, al quale sarà conferito il 27 il Premio Maria Adriana Prolo alla carriera).

Tra i film più attesi si segnalano: “The Theory of Everything” di James Marsh, sulla storia dell’astrofisico Stephen Hawkins; l’ultima fatica di Woody Allen “Magic in the Moonlight”; “Cold in July” di Michael C. Hall e “20.000 Days on Earth” di Ian Forsyth e Jane Pollard, dove si racconta l’ideazione del disco di Nick Cave “Push the sky away”. Tra le chicche, invece, faranno gola ai cinefili la retrospettiva su Giulio Questi, lo speciale su Josephine Decker e la seconda parte di “New Hollywood”.

Il presidente di giuria Ferzan Ozpetek sarà coadiuvato, tra gli altri, dall’attrice Carolina Crescentini. Il Premio Gran Torino sarà assegnato a Julien Temple mentre, da quest’anno, il secondo premio porta il nome della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo che ne stanzia  l’ammontare di 7000 euro.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). In tv è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...