20170630_153418

I vertici FCTP e FIP, parte del cast e Carlo Vanzina

Si intitola “Caccia al tesoro” ed è l’ultimo film dei fratelli Carlo ed Enrico Vanzina i quali, dopo aver iniziato le riprese il 29 maggio tra Napoli e Roma, hanno portato la troupe a Torino, terza tappa di un viaggio destinato a concludersi settimana prossima a Cannes.

L’incontro con la coppia d’oro del cinema italiano e con tutti gli attori (eccezion fatta per Serena Rossi il cui coinvolgimento si è esaurito in quel di Napoli) accade il 30 giugno, penultimo giorno delle riprese all’ombra della Mole.

<<Stiamo lavorando qui da lunedì, a dispetto del meteo che ci ha fatto perdere non poco temporisponde sornione Carlo, seduto con il fratello ad uno dei tavolini del Caffé San Carlo sito nell’omonima piazza (tristemente nota, ormai, per gli eventi del 3 giugno scorso) – Le location? Oltre a questo splendido scenario, Piazza Vittorio Veneto, il lungo Po, Palazzo Civico e il Parco del Valentino dove domani batteremo gli ultimi ciak>>.

20170630_145946

Carlo ed Enrico Vanzina seguono le prove di una scena

<<Abbiamo pensato a Torino sin dall’iniziosottolinea EnricoÈ qui che i protagonisti giungeranno per poter finalmente rubare parte del tesoro di San Gennaro che gli è sfuggita in quel di Napoli. Inutile dire che qualcosa andrà storto e i nostri dovranno proseguire il loro viaggio>>.

“I nostri” sono due coppie di ladri, quella formata dai professionisti del furto Christiane Filangieri e Max Tortora e quella, decisamente più raffazzonata, composta da Carlo Buccirosso (con il figlio interpretato dal piccolo “genio” – epiteto scelto sia da Enrico Vanzina sia da Max Tortora – Gennaro Guazzo) e Vincenzo Salemme che, di bianco vestito, aggiunge: <<Interpreto Domenico, un attore fallito che prepara un colpo ai danni del tesoro di San Gennaro per poter far operare il nipotino malato di cuore. L’idea del colpo nascerà da un equivoco di cui sarà vittima con Buccirosso… Il mio personaggio è molto elegante, un po’ alla Dudù di Nino Manfredi in “Operazione San Gennaro. Cinepanettone? Le etichette sono sempre pericolose, ma non credo lo sia perché fa ridere sì, ma ha una storia e una sostanza diverse dal classico film di Natale>>.

Dal canto suo, sorseggiando un caffé, Max Tortora sottolinea: <<Il mio personaggio mi piace molto perché mi consente di portare la romanità dentro la napoletanità. Inoltre questa è per me l’imperdibile occasione per assorbire come una spugna tutto il loro mestiere: è sorprendente, ad esempio, come i dialoghi scritti con sapienza dal maestro Enrico Vanzina vengano fuori in scena assolutamente naturali… Per me essere a Torino è un po’ come essere a casa e mi ricorda Luciano Rispoli che mi ha voluto bene e mi ha portato tanta fortuna: la mia prima ospitata è stata al suo Tappeto Volante >>.

La pellicola vuole essere una commedia all’italiana nella più pura accezione del termine, quella cioè che rimanda ai film con Totò, a “I soliti ignoti” ma anche a “Operazione San Gennaro”. E a Steno, papà di Carlo e di Enrico, che sottolinea il legame dei Vanzina con Torino: <<Per noi è un grandissimo piacere essere qui non solo per la sempre efficientissima Film Commission, ma anche perché siamo legati a questa città a livello familiare dai tempi di nostro nonno che sposò una donna di Arona. Papà, poi, aveva un debole per Torino dove girò un capolavoro purtroppo noto a pochi intitolato “Cinema di altri tempi”: credo che il suo leggendario modo di vedere Roma fosse molto influenzato da un occhio torinese, capace di guardare con simpatia ma anche con sano distacco la capitale>>.

“Caccia al tesoro” è prodotto da Medusa Film che lo distribuirà a partire da novembre 2017e, per le riprese torinesi, si è avvalso della fattiva collaborazione della Film Commission Torino Piemonte.

Annunci

Informazioni su dael72

Nata a Varese, residente a Torino. Iscritta all’Albo Nazionale dei Giornalisti dal 1999. Dopo la Maturità Classica conseguita presso il Liceo Ginnasio Statale “Cavour” di Torino, si è laureata con lode in Tecniche della Comunicazione a 24 anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Parla inglese, francese e spagnolo. Ha seguito corsi di Comunicazione (Ufficio Stampa presso l’Unione Industriale di Torino), di Dizione (presso la ODS di Torino), di Cinema (montaggio, sceneggiatura, ripresa), di Conduzione Radiofonica (presso Radio Centro 95 di Torino). Attualmente è giornalista free-lance specializzata in critica cinetelevisiva ed interviste e collabora con il quotidiano "Cronaca Qui" di Torino. In passato ha scritto per i periodici nazionali “IL BORGHESE”, “LA VOCE BORGHESE”, “LIBERO”, per i quotidiani “Libero” e “Torino Cronaca”, per il semestrale della Pronto Assistance Servizi SpA “EQUIPE PA” e per il notiziario “Massena 20″ dell’Associazione Commercianti di Torino; ha redatto e condotto notiziari locali e trasmissioni su musica e cinema per emittenti radiofoniche regionali. Nel suo curriculum, per poter meglio comprendere i meccanismi interni al mondo dello spettacolo, ci sono anche alcune esperienze di recitazione (lettura poesie per la Biennale dei Giovani Artisti, attrice in “Quattro Imprevisti per un Matrimonio” per la rassegna teatrale Aquilegia Blu, comparsa in produzioni Rai). Di recente è apparsa come “la prof” nel programma per ragazzi “LA TV RIBELLE” trasmesso sul canale tematico Rai Gulp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...